WEBPERSIGNORE

ABITARE IN MODO SEMPLICE LA RETE

Il giornalismo ai tempi di Twitter

‘Si aspettano sempre che tu racconti quello che loro hanno nella testa’ scriveva De Céspedes nel ’59. L’interazione rapida e informale di Twitter rende oggi più che allora dense di verità le sue parole.

Che rapporto c’è fra Twitter e giornalismo? In questo articolo peso e sostanza dell’uccellino blu a partire dagli esempi di giornaliste/i che lo usano.

Sul mio account Twitter seguo più di un/a giornalista e ne ricavo non solo informazioni ma anche esempi concreti di come il mezzo venga plasmato nelle loro mani con esiti interessanti. Il crescente uso dei 140 caratteri da parte delle testate è ben chiaro sia alla piattaforma di microblogging, che ha pubblicato le Best practices for journalists, sia alla stessa categoria se David Marsh si interroga su una ridefinizione del ruolo del giornalista e Pier Luca Santoro parla di Twitter come occasione sprecata per i quotidiani in Italia.

Twitter e giornalismo: 6 esempi d’uso

  • Sugli account personali i giornalisti possono esprimere il proprio punto di vista al di fuori del contesto ufficiale delle testate. Una libertà che lascia filtrare il lato umano avvicinandoli al pubblico ma che richiede notevole lucidità tanto che il New York Times ha ritenuto necessario stilare delle linee guida per i giornalisti sui social network. Nell’esempio Lorenzo Ottolenghi si lascia andare ad una giusta indignazione:
  • Il carattere informale della piattaforma ne fa un potente strumento per stabilire connessioni e intavolare scambi d’opinione con colleghe/i. Nell’esempio Serena Danna usa Twitter per chiedere a Laura Kurgan di inviarle il suo indirizzo mail in DM (messaggio privato) poiché vuole scrivere un articolo su di lei e non riesce a contattarla.
  • Spesso Twitter viene usato per condividere risorse con tono informale come fa ad esempio Mario Tedeschini-Lalli.
  • Ulteriore uso è quello di veicolare attraverso un hashtag – parola chiave preceduta dal simbolo # – eventi o canali collegati alla testata.
  • La viralità del mezzo lo rende strumento ideale di denuncia e in quanto tale richiede una prontezza di riflessi non indifferente per salvare la reputazione della propria testata. Recentemente Michela Murgia ha scritto una Lettera aperta contestando il modo di dare le notizie dei femminicidi su La Stampa. L’ha condivisa via Twitter chiamando in causa direttamente il direttore che si è affrettato a rispondere.
  • Twitter è un canale informale e l’interazione con lettrici e lettori è frequente. Un/a giornalista che su un canale uno a uno come la mail forse non risponderebbe, su un canale uno a infinito come Twitter difficilmente può lasciar cadere una richiesta, seppur banale, come questa che ho rivolto a Mario Tedeschini-Lalli dopo aver condiviso un suo tweet.

E la multimedialità?

La multimedialità negli account che seguo non viene condivisa facilmente. Immagini, video e slide di rado vengono cinguettati da un giornalismo che ormai se la cava bene sui social network ma che ancora mi pare prediligere i contenuti testuali. Daria Santucci ben spiega in queste slide l’evoluzione del lavoro giornalistico con l’avvento dei social network e in particolare Twitter: informare, condividere e seguire diventano le parole chiave per stare al passo con i cambiamenti.

E voi che esperienza avete del giornalismo su Twitter? Sia che siate giornaliste/i sia che siate follower i commenti sono aperti ad altre esperienze ed esempi.

4 commenti su “Il giornalismo ai tempi di Twitter

  1. pedroelrey
    23 ottobre 2012

    Ciao [e grazie della citazione]. Ti segnalo anche qs —> http://it.ejo.ch/7153/nuovi-media/il-futuro-non-e-in-bianco-e-nero
    A presto
    PL

    • Rachele Muzio
      23 ottobre 2012

      Ciao Pier Luca,
      grazie a te per l’interessante approfondimento ; )
      Alla prossima!

  2. marina
    23 ottobre 2012

    Voglio “integrare” con questo post che ho scritto un anno fa http://www.webhouseit.com/2011/11/twitter-amico-dei-redattori-on-line/

Commenti, critiche, proposte, aggiunte...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Da agosto 2011

  • 142,518 signore e signori hanno visitato il blog

Categoricamente

Scrivi qui la tua mail

Segui assieme ad altri 2.393 follower

Perché Webpersignore?

Non sono un'informatica ma mi occupo di siti web “women oriented” da diversi anni e spesso le signore che incontro mi chiedono consigli per 'fare cose' con e attraverso internet. Perché non condividere problemi e soluzioni con altre? Webpersignore è dedicato a tutte loro e alle donne di ogni età che si avvicinano in punta di piedi alla rete e che non hanno idea di quanto la creatività le possa portare lontano anche in un mondo fatto di pixel.

Webpersignore? Oui, c’est moi!

about.me/rachelemuzio

Qui si cinguetta

Emotional Mapping of Museum Augmented Places

Augmented Reality for Arts and Education

Bento box

Strumenti e metodi della progettazione digitale

Nomfup

Only connect

Un bit al giorno

Keep calm and read on

Beni Culturali 3.0

Promuovere Tutelare Valorizzare

CompassUnibo Blog

LM Comunicazione Pubblica e d'Impresa - Bologna

Laboratorio di Tecnologie Audiovisive

Università degli Studi Roma Tre

Elena Rapisardi

content & writings

91esimo minuto - il podcast del mobile marketing

Ogni 15 giorni le migliori novità da @gluca e @MarcoBrambilla

lcblog

editoria, conoscenza e altro

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: